Fondazione FormitL'Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT, amministrata dalla Fondazione FORMIT, è un istituto non statale di istruzione universitaria autorizzato con D.M. 2-8-1996, pubblicato sulla G.U. n. 204 del 31-08-1996. Viene fondato a Roma nel 1996 dall'Istituto di Studi Politici "S. Pio V" con il nome di "Libera Università degli Studi San Pio V".

La prima ad essere autorizzata con DM 2/8/1996 è la Facoltà di Scienze Politiche, seguita dalle Facoltà di Interpretariato e Traduzione e di Economia. Fin dagli esordi, il progetto dei fondatori evidenzia alcuni elementi caratterizzanti, destinati a confluire nel successivo itinerario formativo: la presenza nel corpo docente di eminenti personalità italiane e straniere del mondo culturale, professionale e accademico, in grado di consentire un'ampia conoscenza delle diverse realtà lavorative e il più completo aggiornamento in campo internazionale.
L'attenzione crescente alle esigenze di mercato e allo studio dei processi aziendali la conducono, nel 2010, a cambiare ufficialmente la denominazione in "Libera Università degli Studi Per l'Innovazione e le Organizzazioni - LUSPIO".

Nel marzo 2013 l'Ateneo adotta l'attuale nome di 'Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT' per sottolineare più efficacemente la vocazione globale della sua offerta formativa, che ha dato luogo all’ampliamento degli insegnamenti delle lingue di studio (arabo, cinese, francese, inglese, portoghese e brasiliano, russo, spagnolo, tedesco), alla loro estensione a tutti i corsi di laurea come elemento indispensabile del percorso formativo ed alla creazione di numerose opportunità di formazione e tirocinio all'estero. Il cambiamento viene promosso dalla Fondazione per la Ricerca sulla Migrazione e Integrazione delle Tecnologie (FORMIT), che dal 1985 svolge attività di ricerca scientifica, supporto tecnico, formazione, analisi e valutazione industriale, finanziaria e socioeconomica con l’obiettivo di sostenere i processi di migrazione e integrazione dei sistemi tecnologici in tutti gli ambiti della società e che dal 2011 amministra l'Ateneo attraverso la nomina della maggioranza dei Consiglieri di Amministrazione, ispirandosi la sua azione ai principi di qualità dell'offerta formativa, efficienza ed economicità della gestione dell’ateneo.